Presagi da Coronavirus. T'immagini una quarantena intermittente fino al 2022?

Scritto da Pubblicato il


Presagi da Coronavirus. T'immagini una quarantena intermittente fino al 2022?

Le previsioni parlano di una quarantena intermittente per contrastare il coronavirus. 2022? 2025? Nulla sarà più come prima. A cura di Spazio SoloSalute® centro benessere Milano

Coronavirus Italia: dovremo abituarci a misure di distanziamento sociale a singhiozzo, come quarantene e autoisolamento, fino al 2022, e ancora, ritorni periodici del coronavirus fino al 2025, il virus infatti potrebbe tornare prossimamente come una normale influenza stagionale. Segui gli articoli con studi scientifici sull'argomento di Spazio SoloSalute®, il tuo centro benessere in centro a Milano per consulenze Naturopatia, Nutrizione, massaggi, bellezza naturale, prodotti naturali.

Lo studio della scuola di Salute Pubblica. L’arrivo del Covid-19 ci ha tutti destabilizzati cambiando radicalmente le nostre vite, ci siamo attivati per debellarlo ma purtroppo pare che non sia così semplice e che durerà ancora a lungo.

Infatti dovremo abituarci a misure di distanziamento sociale a singhiozzo, come quarantene e autoisolamento, fino al 2022, e ancora, ritorni periodici del coronavirus fino al 2025, il virus infatti potrebbe tornare prossimamente come una normale influenza stagionale

 

Questi sono gli scenari a cui dovremmo prepararci in assenza di cure, secondo uno studio pubblicato su Science dalla Scuola di salute pubblica T. H. Chan dell'Università di Harvard.

Le simulazioni sono frutto di un modello matematico e mostrano che il contagio rischia di riprendere non appena vengono allentate le restrizioni. Difficile dire oggi cosa ci riserverà il prossimo futuro, perché sui calcoli incombe un’incognita cruciale ancora tutta da definire, ovvero la durata della protezione conferita dagli anticorpi anti-Covid19. Tutte le simulazioni, sia quelle che prevedono la quarantena una tantum sia quelle che considerano il distanziamento sociale a intermittenza, mostrano che in assenza di farmaci e vaccini sarà necessario mantenere la sorveglianza e distanziamento sociale fino al 2022 per dare tempo agli ospedali di attrezzarsi e per raggiungere una buona immunità di popolazione.

Il punto forte del coronavirus è il suo essere fortemente infettivo ma anche il fatto che è un’infezione nuova, questo significa che è ancora difficile debellarlo non conoscendo il nemico, nel frattempo siamo costretti a tutelarci e anche se è ancora presto per fare previsioni specifiche è il segno che qualcosa è cambiato radicalmente e dovremo riorganizzare la nostra quotidianità, per non parlare delle questioni lavorative e produttive che vanno gestite con la massima cura.

Infatti le misure da quarantena non cambiano solo il modo di vivere la giornata ma anche la logistica relativa ai settori produttivi, abbiamo visto ad esempio come non sia possibile non far lavorare un camionista che trasporta il cibo nei supermercati, le farmacie ed altre cose necessarie alla sopravvivenza.

L’incertezza del virus rende noi stessi incerti, come anche il mercato lo è, in quanto non si sa come agire e ripartire. Anche il resto tornerà con calma ma sempre con le dovute precauzioni, si riprenderà il commercio, lo shopping, la borsa e così via ma sempre in maniera sicura e controllata, gli ultimi saranno bar e discoteche, infatti soprattutto con la bella stagione qui gli assembramenti sono usuali.



coronavirus