Perché il sexting si è reso necessario e più eccitante in quarantena? Mini guida al sesso digitale

Pubblicato il

sessualità coronavirus sessualità e coronavirus


Perché il sexting si è reso necessario e più eccitante in quarantena? Mini guida al sesso digitale

Il sexting o sesso digitale (sia in app di messaggistica che via conversazioni social con Whatsapp, Telegram, Messenger, Skype) è un modo valido di fare sesso durante la quarantena da Coronavirus. Segui gli articoli con studi scientifici sull'argomento di Spazio SoloSalute®, il tuo centro benessere in centro a Milano per consulenze Naturopatia, Nutrizione, massaggi, bellezza naturale, prodotti naturali.

Il sexting  è un modo innovativo di fare sesso, soprattutto in questo periodo di quarantena. Questa infatti ci ha allontanati da tutto e la pratica del sexting si è rilevata molto utile per desideri sessuali accumulati.  

Come funziona il sexting: consigli

Prima di tutto, sii educato ed evita gli orari di lavoro, cercando il momento in cui entrambi potete stare tranquilli nei vostri rispettivi spazi. Questi messaggi, fin dall'inizio, sono un po' più personali, perché se hai già un contatto diretto è molto più sicuro che quella conversazione rimanga privata rispetto a una chat delle app di dating.

Le conversazioni che hanno come obiettivo il sexting, seguono un percorso specifico, in cui può capitare di iniziare con "Cosa indossi?" oppure si fanno precisi riferimenti a parti del corpo.

Grazie al sexting abbiamo la possibilità di scrivere anche cose che potremmo non fare nella vita reale, come parlare di posizioni erotiche, luoghi, pratiche particolari si sesso e altre cose che aumentano al massimo la passione.

Rischi e consigli del sesso registrato su pc o smatphone

Durante questo periodo di quarantena, il sexting è un ottimo modo per continuare ad avere una vita sessuale, tuttavia ci sono sempre dei rischi o comunque cose da tenere a mente; il rischio peggiore è che la persona con cui condividiamo questa esperienza non rispetti la nostra privacy, facendo e diffondendo screenshot della vostra “prestazione sessuale”. E' triste e squallida l'abitudine di molti, una volta che si è conclusa una storia e che le cose non sono andate come volevano, di pubblicare su canali social, per esempio Telegram, i video e le foto di momenti intimi...per vendetta. Questa pratica ha un nome: revenge porn.

In ogni caso, se la chat va oltre la semplice conversazione è consigliabile seguire alcuni consigli per non avere brutte sorprese:

1)     Instagram ti avvisa se hai scattato uno screenshot di video o foto;

2)     Anche Snapchat, come instagram, ti, avvisa di qualsiasi screenshot;

3)     Le app non ci permettono di sapere se c’è che un altro dispositivo che registra i contenuti;

4)     Puoi impedire che ti si veda il viso;

5)    Chiedere se l'altra persona è sola per essere più sicuri e liberi

6)   Le videochiamate ci permettono di essere sicuri che nella stanza del nostro partner ci sia solo lui, ma non avvisano di eventuali screenshots;

7)     Esiste anche il famoso sesso telefonico;

8)     Non ingannare le aspettative con idee false.

consulenza con naturopata online simona vignali

Vuoi potenziare il tuo benessere e la tua salute con le strategie naturali della Naturopatia? Prenota una consulenza con Naturopata online

sessualità coronavirus sessualità e coronavirus


Sullo stesso argomento

Leggi anche...