Mindfulness contro Coronavirus per affrontare i danni psicologici del lockdown. Smetti di preoccuparti e affronta la vita in modo migliore

Pubblicato il

coronavirus mindfulness coronavirus e psicologia


Mindfulness contro Coronavirus per affrontare i danni psicologici del lockdown. Smetti di preoccuparti e affronta la vita in modo migliore

Le preoccupazioni non fanno altro che peggiorare la nostra vita, ma a volte diventa davvero difficile fermare o gestire questi pensieri. Segui gli articoli con studi scientifici sull'argomento di Spazio SoloSalute®, il tuo centro benessere in centro a Milano per consulenze Naturopatia, Nutrizione, massaggi, bellezza naturale, prodotti naturali.

Preoccuparsi è un aspetto del tutto normalissimo e ci permette di prendere delle decisioni più consapevoli, ma in altri casi può portare a provare ansia ed a vivere una perenne sensazione di angoscia, compromettendo il benessere fisico ed emotivo

 

Se vi accorgete che il vostro grado di preoccupazione è eccessivo, la prima cosa da fare sarà quella di stabilire un momento da dedicare a ciò che vi preoccupa. Dedicate una parte della vostra giornata ai pensieri ed alle preoccupazioni in modo da evitare che rovinino le vostre intere giornate. Se durante l’orario di lavoro le preoccupazioni fanno non vi fanno concentrare, allenatevi a posticiparli, in modo da gestire il problema.

La mindfulness tiene a bada le preoccupazioni

Per migliorare il vostro umore e tenere a bada le preoccupazioni, sarà utile provare a praticare della meditazione mindfulness. Questo tipo di meditazione permette infatti di mantenere l’attenzione sul momento presente, facendo in modo che la mente non venga affollata da pensieri che possono riguardare passato o futuro. Naturalmente sarà importante praticarla con l’aiuto di un professionista esperto, in modo che possiate raggiungere la serenità in modo efficace e duraturo

Approfondimento sulla mindfulness

La dottrina e la pratica meditativa buddista costituiscono probabilmente la tradizione che più di tutte incarna il tema della consapevolezza poiché indica i fattori mentali che consentono all’individuo di cogliere l’essenza e la natura di ogni esperienza: l’aspirazione, la fiducia, l’attenzione, la discriminazione e la consapevolezza.

Come sostiene Chiesa (2013), secondo la tradizione buddista, la mindfulness è consapevolezza lucida di ciò che sta accadendo in campo fenomenologico con la mente ancorata all’esperienza presente. Un’attitudine di accettazione facilita il processo e al tempo stesso ne è una conseguenza.

Anche in ambito cognitivista si è diffuso l’interesse per le pratiche di consapevolezza, infatti hanno un comune interesse per il ruolo che i nostri pensieri giocano su emozioni e comportamenti. Secondo alcuni studi, un soggetto che sia stato depresso in passato corre il rischio di esserlo di nuovo perchè in periodi di umore negativo, tende a riattivare in modo automatico gli stessi pensieri che erano attivi durante il periodo di sofferenza (pensiero ruminativo).

 Benefici della mindfulness

Chi pratica la mindfulness impara a relazionarsi diversamente con il proprio corpo e le proprie esperienze, gestendo in maniera migliore le risposte automatiche. La mindfulness propone un atteggiamento tendente all’essere e non al fare, quest’ultimo infatti porta ad un costante automonitoraggio dei risultati e la mente ripete a oltranza valutazioni, innescando la ruminazione e quindi le ricadute depressive. La modalità dell’essere, che non è uno speciale stato di inattività, è una prospettiva che consente di slegarsi dalle solite modalità di risposta, automatiche e involontarie.

Vuoi potenziare il tuo benessere e la tua salute con le strategie naturali della Naturopatia? Prenota una consulenza con Naturopata online

consulenza con naturopata online simona vignali

coronavirus mindfulness coronavirus e psicologia


Sullo stesso argomento

Leggi anche...