La quarantena è un grave allarme per gli uomini pigri: gli urologi avvertono che è a rischio la prostata

Scritto da Pubblicato il


La quarantena è un grave allarme per gli uomini pigri: gli urologi avvertono che è a rischio la prostata

Per tutti gli over 50 attenzione alla sedentarietà: gli urologi avvisano che potrebbe andare a danno della prostata. Segui gli articoli con studi scientifici sull'argomento di Spazio SoloSalute®, il tuo centro benessere in centro a Milano per consulenze Naturopatia, Nutrizione, massaggi, bellezza naturale, prodotti naturali.

La sedentarietà è sempre un comportamento dannoso, il nostro corpo ha bisogno del movimento per svariati motivi, uno di questi è relativo alla prostata che può danneggiarsi ed anche ai muscoli del pavimento pelvico che sono direttamente connessi e coinvolti

Gi urologi lanciano un allarme particolare riguardo a questo periodo di quarantena affermando che bisogna muoversi e fare attività. questo appello è rivolto in particolare a tutti coloro hanno già avuto, in passato, problemi di prostata, come ipertrofia prostatica o prostatite.

Non si va a lavoro, gran parte della giornata si sta seduti e si mangia qualcosa in più, ma bisogna cambiare urgentemente questa situazione, cercando di simulare quello che si faceva prima, muoversi e ingannare la prostata, che odia la sedenterietà.

 

Esercizi ed alimentazione

Il consiglio è di fare degli esercizi che aiutano a migliorare il controllo della vescica e danno salute alla prostata. Un tipo di esercizio che si può fare a casa è usare delle bottiglie di acqua come pesi per rinforzare le braccia. Se si ha la fortuna di abitare in un condominio, si possono salire e scendere le scale anche un paio di volte al giorno.

Esercizi di Kegel

Poi ci sono degli esercizi appositi per la  , chiamati esercizi di Kegel e che consistono nel contrarre i muscoli del pavimento pelvico, facendo in modo di tenerli in tensione giusto per qualche momento e poi farli rilassare, questi esercizi ci aiutano a tenere più tonici i muscoli di quella zona.

Un altro consiglio è quello di non sforzarsi di urinare quando non vi scappa, e al contempo evitate di trattenerla troppo. Eviterete di stressare inutilmente il vostro pavimento pelvico e diseducarlo a riconoscere i segnali.

Stop all'alimentazione irritante

Tra le cose più importanti per la prostata c’è il controllo dell’alimentazione che soprattutto in questo periodo rischia di scemare vista la disponibilità di tempo e cibo; sono da ridurre, specialmente in questo periodo di quarantena:

  • insaccati
  • birre
  • pepe
  • spezie
  • cioccolato
  • caffè
  • superalcolici
  • formaggi grassi
  • molluschi
  • anguilla
  • tonno
  • frutti di mare

Questi citati sono tutti alimenti molto irritanti sul basso tratto urinario ed è preferibile evitarli.



Prostata coronavirus coronavirus e naturopatia coronavirus e alimentazione