Interazioni Covid-19 e microbiota intestinale; sono auspicabili trattamenti probiotici?

Pubblicato il

disturbi intestinali coronavirus coronavirus e naturopatia


Interazioni Covid-19 e microbiota intestinale; sono auspicabili trattamenti probiotici?

Interazioni Covid-19 e microbiota intestinale; sono auspicabili trattamenti probiotici? Segui gli articoli con studi scientifici sull'argomento di Spazio SoloSalute®, il tuo centro benessere in centro a Milano per consulenze Naturopatia, Nutrizione, massaggi, bellezza naturale, prodotti naturali.

Interazione tra il coronavirus ed il microbiota intestinale; non sono ancora chiari i meccanismi per cui SARS-CoV-2 sia responsabile di sintomi gastrointestinali ma ci sono state molte ipotesi e spiegazioni interessanti.

Plausibili ipotesi sono le seguenti

SARS-CoV-2 invade il tratto gastrointestinale legandosi al recettore ACE2, alcune analisi di immunofluorescenza hanno dimostrato che tale proteina è infatti presente anche nelle cellule epiteliali dello stomaco, duodeno e retto. La risposta infiammatoria contro il virus può danneggiare la mucosa intestinale;       

La presenza del virus nel tratto gastrointestinale, in particolare nel colon, è causa di alterazione dell’equilibrio microbico e porta il microbiota intestinale ad una condizione di eubiosi. Tale alterazione potrebbe rendere l’intestino molto permeabile oltre che rendere molto più debole il sistema immunitario e quindi la sua risposta (fino all’80% del nostro sistema immunitario risiede nel tratto gastrointestinale).

La presenza di una di disbiosi, caratterizzata da una diminuzione di probiotici come lattobacilli e bifidobatteri, rende ancor più evidente la relazione tra il virus ed il microbiota intestinale.

Nonostante questi dati siano molto interessanti, non sono conclusivi e sono necessarie ulteriori analisi, anche se trials precedenti hanno dimostrato che pazienti con infezioni respiratorie causa di gravi polmoniti, hanno migliorato il loro decorso in seguito a trattamenti probiotici di Lactobacillus rhamnosus, Bacillus subtilis ed Enterococcus faecalis rispetto al placebo.

Asse intestino-polmoni: potenziale target terapeutico?

Evidenze emergenti dimostrano che esista una migrazione delle cellule del sistema immunitario dall’intestino ai polmoni (asse intestino-polmoni) e che la manipolazione del microbiota stesso possa rappresentare un target terapeutico per il trattamento di patologie del tratto respiratorio

Conclusioni

I dati riguardo il ruolo del tratto gastrointestinale nella patologia CoVID-19 non sono al momento sufficienti per trarre una conclusione consistente ed intraprendere una strategia terapeutica mirata. Ciononostante, i risultati degli studi emergenti sono promettenti.

 L’analisi delle comunità microbiche di individui positivi al SARS-CoV-2 è fortemente auspicabile al fine di individuare pattern batterici comuni tra i contagiati e, di conseguenza, probiotici specifici per utili al decorso dell’infezione.

Per il momento ciò che la comunità scientifica ha di nuovo evidenziato è come prendersi cura del nostro tratto gastrointestinale sia fondamentale per rafforzare le difese immunitarie contro agenti patogeni.

In conclusione, data la potenziale trasmissione oro-fecale del virus è necessario sottolineare l’osservanza delle norme igieniche divulgate dall’OMS per ridurre il più possibile la diffusione del SARS-CoV-2.

consulenza con naturopata online simona vignali

Vuoi potenziare il tuo benessere e la tua salute con le strategie naturali della Naturopatia? Prenota una consulenza con Naturopata online

disturbi intestinali coronavirus coronavirus e naturopatia


Sullo stesso argomento

Leggi anche...