Incubo coronavirus, 100mila i morti negli Stati Uniti che si preparano a due settimane di quarantena dura

Scritto da Pubblicato il


Incubo coronavirus, 100mila i morti negli Stati Uniti che si preparano a due settimane di quarantena dura

Incubo coronavirus, 100mila i morti negli Stati Uniti che si preparano a due settimane di quarantena dura

100mila morti, questo è il triste presagio che attende gli USA. Il virolo Anthony Fauci, esperto della task force al lavoro per combattere l’epidemia. Non parla in toni ottimistici perché le prossime due settimane saranno di fuoco per gli Stati Uniti.

 Il giornalista Jim Acosta, della CNN, ha domandato a uno dei massimi esperti virologi, Anthony Fauci, se i cittadini USA si debbano aspettare un’ecatombe di 100mila vittime.

Purtroppo la risposta è stata affermativa. 

Il numero dei morti per coronavirus negli Stati Uniti ha oltrepassato i 4.000 individui, raddoppiandosi in pochissimo tempo: tre giorni. Terribile.

Ad oggi I contagi confermati sono 190mila, e ieri i decessi hanno toccato il picco: 865 in 24 ore.

 

Trump realistico

Ormai sono un lontano ricordo i tempi in cui Il Presidente Trump minimizzava la pandemia. I toni sono più seri e realistici: "Ci aspettano due settimane molto dure. Le linee guida indicate due settimane fa verranno estese fino al 30 aprile. E' cruciale che ogni cittadino faccia la propria parte, è una questione di vita o di morte. Stiamo combattendo contro un nemico invisibile".

 

Trump, preparatevi

Trump inizia a preparare: "Sarà molto doloroso".

Trump inizia a preparare gli USA contro il coronavirus, la nuova sfida mai affrontata prima d’ora.

Ogni americano dovrà fare dei sacrifici, per almeno due settimane che si prevedono piene di vittime e sofferenza.

“La nostra forza sarà messa alla prova, dovremo dimostrare la nostra resistenza ma l'America risponderà con amore, coraggio e volontà di ferro"

.

Poche mascherine anche in america

Il leader repubblicano conferma che per un lasso di tempo più o meno lungo, dovranno cambiare le abitudini dei cittadini. 

Data la scarsità di mascherine che saranno prodotte in primis per ospedali e operatori sanitari, si dovranno indossare sempre sciarpe o qualsiasi cosa che copra bocca e naso. In sostituzione delle mascherine, ovviamente.

 

Coronavirus, possibile picco il 15 aprile

L'University of Washington’s Institute for Health Metrics and Evaluation ha condotto uno studio per cui sembra che il picco negli Stati Uniti si avrà il 15 aprile, con circa 38mila vittime per COVID-19

Gli scienziati, stimano decessi che vanno dai 100mila ai 240mila potenziali.

Trump ha sottolineato che se l’America non si fosse mossa in tempo con le restrizioni, avrebbe potuto raggiungere circa 2,2 milioni di persone.

A confronto i 100mila sono un numero molto contenuto.


Detroit potrebbe rivelarsi il prossimo focolaio dopo New York. Infatti Detroit per un terzo è abitata da poveri, per cui l’emergenza sanitaria potrebbe rivelarsi ancora più grave.



coronavirus