CORONAVIRUS: nei genitali il motivo per cui il COVID-19 uccide più gli uomini

Scritto da Pubblicato il


CORONAVIRUS: nei genitali il motivo per cui il COVID-19 uccide più gli uomini

Il coronavirus avrebbe una porta d’ingresso facilitata tale da rendere gli uomini più vulnerabili delle donne, ciò dipenderebbe dai testicoli. Segui gli articoli con studi scientifici sull'argomento di Spazio SoloSalute®, il tuo centro benessere in centro a Milano per consulenze Naturopatia, Nutrizione, massaggi, bellezza naturale, prodotti naturali.

La maggiore vulnerabilità degli uomini è uno dei dubbi emersi fin dal principio della pandemia di Covid-19 a cui hanno provato a rispondere alcuni scienziati indiani e americani in uno studio pubblicato su Medrxiv ma che ovviamente ha ancora bisogno di ulteriori accertamenti.

 

E' scientifico?

Cercando di capire perché il virus abbia una maggiore aggressività sui soggetti di sesso maschile, i ricercatori guidati da Aditi Shastri (oncologo presso il Montefiore Medical Center & Albert Einstein College of Medicine, Bronx, NY), hanno tenuto sotto osservazione 68 soggetti (48 uomini e 20 donne). Secondo quanto si legge nell’introduzione dello studio preliminare, “le donne sono state in grado raggiungere uno smaltimento virale significativamente in anticipo rispetto agli uomini, con una differenza mediana di 2 giorni nel raggiungimento di un risultato PCR negativo.

Gli studiosi hanno poi esaminato 3 famiglie aventi al proprio interno pazienti di sesso sia maschile sia femminile notando che le donne appartenenti alla stessa famiglia hanno eliminato l’infezione in anticipo rispetto agli uomini in ciascun nucleo.

 

La spiegazione

Secondo i ricercatori, le ghiandole sessuali maschili costituirebbero una specie di “roccaforte” in cui il virus si rifugia quando è sotto attacco. Le ovaie a differenza dei testicoli non presentano la proteina ACE2, il recettore a cui il covid-19 si lega per invadere le cellule umane.

La spiegazione dei quattro studiosi americani e indiani, rilanciata con grande evidenza anche dal Los Angeles Times, invece è che il virus entri nel corpo degli uomini anche attraverso i testicoli, dove resterebbe più protetto dalla reazione del sistema immunitario. E grazie a questo riparo il Covid-19 riuscirebbe a resistere più a lungo negli uomini, uccidendone di più.

Trasmissione del covid-19 per via sessuale?

Se la teoria dovesse essere confermata da ulteriori studi, ne conseguirebbe anche un altro fattore preoccupante, e cioé che il Covid-19 sia trasmesso anche per via sessuale.

A proposito di tale studio la virologa Ilaria Capua afferma: “Si potrebbe pensare di far tornare prima al lavoro le donne. La scienza ci sta dicendo qualcosa che può essere utilizzata nel periodo della post-quarantena. Per prima cosa dobbiamo pensare alle persone più fragili che vanno protette. Poi si può pensare di usare le donne come semafori rossi e di farle tornare a lavoro prima”.



coronavirus