Coronavirus dilaga in tutto il mondo. C'è carenza di mascherine ma potrebbero rallentare l'avanzatata del nemico invisibile

Scritto da Pubblicato il


Coronavirus dilaga in tutto il mondo. C'è carenza di mascherine ma potrebbero rallentare l'avanzatata del nemico invisibile

Coronavirus dilaga in tutto il mondo. C'è carenza di mascherine ma potrebbero rallentare l'avanzatata del nemico invisibile

Il problema n° 1 è la carenza di mascherine. L’OMS continua a NON raccomandare l’uso dei dispositivi per tutta la popolazione ma il virus ha infettato tutto il globo.

Le mascherine rallenteranno il diffondersi della pandemia?
Il coronavirus ha ormai contagiato il mondo. I casi ufficiali superano il milione, ma gli esperti dicono che sia realistico pensare a dieci volte tanto.

La domanda è sicuramente balzata nella testa di molti: se tutti indossassimo la mascherina, rallenteremmo il diffondersi del coronavirus?

Ad oggi l’Organizzazione Mondiale della Sanità e il nostro Istituto Superiore di Sanità raccomandano l’uso delle mascherine solo per chi manifesti i sintomi di una sindrome respiratoria. Sono poi fortemente consigliate agli operatori sanitari e per gli infermieri o chi si prenda cura di un malato a domicilio. Per gli altri vige la raccomandazione della distanza sociale di un metro e del lavaggio accurato delle mani.

Il punto di vista della Cina
George Gao, direttore del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie, insieme ad altri esperti, è convinto della reale efficacia delle mascherine, però se indossate da tutti.

In Cina e in Oriente in genere sono un normale dispositivo igienico, al contrario dell'Occidente in cui vengono indossate solo in caso di malattia.

In giro senza mascherine

Sars-CoV-2 viene trasmesso per via aerea con le goccioline (droplets) emesse da colpi di tosse o starnuti (e ricordiamo che possono arrivare fino a 8 metri) di persone contagiate che vengono inalate dalle persone immediatamente vicine.

Oppure, in maniera minora, anche attraverso il respiro, mentre si parla. Quindi ne deriva che, dice Gao, quando si parla con una persona si dovrebbero indossare sempre.

Il problema sono i positivi asintomatici. Se in questa fase le mascherine fosse usate da tutti, anche loro vedrebbero ridotte le possibilità di contagiare gli altri.


Mancano le mascherine
E' chiaro che se gli stati raccomandassero/imponessero l'uso delle mascherine a tutta la popolazione, la domanda crescerebbe a dismisura, rischiando di portare via quelle poche scorte a medici, infermieri e operatori sanitari che ne hanno un disperato bisogno.

In Italia, anche se sono stati fatti da più parti, le mascherine ancora non ci sono: in tutte le farmacie si legge “mascherine esaurite” oppure si trovano a prezzi improponibili.

Si può dire, oggi le mascherine valgono oro. E' logico pensare che quando saranno garantite scorte a livello mondiale, allora si potranno rendere obbligatorie.

In luoghi, come per esempio i supermercati e i mezzi pubblici, non si può garantire il distanziamento sociale, quindi sarebbero molto utili.

Cosa succede negli Stati Uniti
E' sotto gli occhi di tutti che il problema sono i tanti asintomatici in giro spasso.

L’uso totale delle maschere per il viso potrebbe essere preso in considerazione se gli approvvigionamenti lo consentono. Data la situazione, è logico pensare che se una persona ha bisogno di uscire, per prevenire la potenziale trasmissione asintomatica o presintomatica,dovrebbe utilizzare le mascherine.

Inoltre i soggetti più a rischio dovrebbero indossarle di prassi. Speriamo che l’invenzione delle maschere riutilizzabili sia a buon punto.

Maschere per tutti, quali sono i vantaggi?

La risposta arriva del tweet di Walter Ricciardi, professore di Igiene, consigliere del ministro della Salute: «Quando la popolazione potrà usare le mascherine chirurgiche , dopo cioè che saranno garantite a tutti gli operatori, vi sarà la più grande campagna altruistica di massa. Molti pensando di proteggersi le indosseranno e invece le indosseranno gli altri, bene così».

Il consiglio migliore resta questo: tutti dovremmo comportarci come se fossimo positivi asintomatici, che quando escono di casa solo per motivi importanti, utilizzano la mascherina.



coronavirus