Cistite in quarantena: cause, rimedi naturali e integratori parte 2

Scritto da Pubblicato il


Cistite in quarantena: cause, rimedi naturali e integratori parte 2

Cosa occorre sapere se hai problemi di cistite in quarantena? Ecco spiegate le cause, i rimedi naturali e gli integratori necessari per eliminare la cistite. Segui gli articoli con studi scientifici sull'argomento di Spazio SoloSalute®, il tuo centro benessere in centro a Milano per consulenze Naturopatia, Nutrizione, massaggi, bellezza naturale, prodotti naturali.

Cistite: i trattamenti

 

Solitamente la cistite batterica viene trattata con antibiotici prescritti da un medico senza trattamenti specifici. E’ molto importante anche cercare di prevenire questa fastidiosa infiammazione grazie ad alcuni metodi ed abitudini.

 

Prevenire la cistite

 

In primis dobbiamo stare attenti all’igiene personale, soprattutto in occasione dei rapporti sessuali, in più prendiamoci cura del funzionamento dell’intestino: è necessaria un’alimentazione sana, evacuazione giornaliera e regolare, poco stress.

 

Per le donne è anche consigliata una buona cura dell’apparato genitale, consultando se del caso il proprio/la propria ginecologa/o.

 

E’ importante anche l’abitudine di bere acqua lontano dai pasti (un litro in più del solito) Ancora più importante, è urinare regolarmente, non trattenersi per pigrizia o timore.

 

Veniamo ora ad elencare alcune abitudini da mantenere nel tempo:

 

1)     Bevete molta acqua

L’acqua elimina i batteri nella vescica, aiutando ad eliminare l’infezione più velocemente, inoltre diluisce l’urina, con la conseguenza che la minzione risulterà meno dolorosa. Cercate di bere almeno 8 bicchieri d’acqua al giorno, limitando la caffeina che potrebbe irritare la vescica.

 

2)     Mingete di frequente

Una minzione frequente aiuta a eliminare l’infezione, espellendo i batteri dalla vescica. Può anche essere utile urinare dopo aver fatto sesso in quanto l’attività sessuale può spingere i batteri più a fondo nell’uretra.

 

3)     Tenete la pancia al caldo

 

Tenere al caldo la regione addominale o la schiena può alleviare il dolore.

 

4)     Vestitevi in modo appropriato

 

I batteri prosperano negli ambienti caldi e umidi, per questo è consigliato indossare biancheria intima di cotone, pantaloni larghi o gonne per favorire la circolazione dell’aria e ridurre la crescita batterica.

 

5)     Bevete succo di mirtillo senza zucchero

 

Bere succo di mirtillo rosso non zuccherato è uno dei rimedi naturali più indicati per la cura di questa infiammazione; i mirtilli, infatti, impediscono ai batteri di aderire al tratto urinario, prevenendo così l’infezione.

 

Uno studio ha dimostrato che il consumo di mirtilli rossi può ridurre il numero di infezioni del tratto urinario in un anno, in particolare per le donne che le hanno ricorrenti.

 

Tuttavia, una recente recensione che ha esaminato vari studi, ha rilevato che, mentre alcuni studi più piccoli riscontravano effettivi benefici della bacca in merito alla frequenza delle cistiti, altri studi più grandi non riportavano alcun beneficio.

In conclusione, sebbene l’evidenza sia mista, il succo di mirtillo rosso può essere utile nel ridurre il rischio di infezioni del tratto urinario.

 

6)     Assumete probiotici

I probiotici sono microrganismi benefici fondamentali per la salute intestinale. Possiamo assumerli in forma di integratore o si trovano in alimenti fermentati, come kefir, kimchi, kombucha e yogurt probiotico.

 

Alcuni studi mostrano che alcuni ceppi di probiotici possono ridurre il rischio di cistiti, ad esempio il Lactobacillus, aiuta a prevenire le infezioni urinarie nelle donne adulte. Altri studi hanno dimostrato che i probiotici possono aumentare i livelli di batteri intestinali buoni che contrastano gli effetti dovuti agli antibiotici

 

7)     Aumentate l’assunzione di vitamina C

 

Alcuni studi scientifici mostrano che aumentare l’assunzione di vitamina C potrebbe proteggere dalle infezioni del tratto urinario.

 

Uno studio del 2007 che aveva come obiettivo quello di esaminare l’insorgenza della cistite nelle donne in gravidanza ha rilevato che l’assunzione di 100 mg di vitamina C ogni giorno ha un effetto protettivo, riducendo il rischio di infezione di oltre la metà nei soggetti che l’hanno assunta.

 

Un buon modo per assumere vitamina C regolarmente è attraverso la frutta e la verdura. Peperoni rossi, arance, pomplemi e kiwi contengono la quantità giornaliera raccomandata di vitamina C in una sola porzione.

 

8)     Assumete integratori naturali

Diversi integratori naturali possono ridurre il rischio di sviluppare una cistite. Tra questi integratori, sottoposti a studi scientifici, vi sono:

 

  • D-mannosio: questo è un tipo di zucchero che si trova nei mirtilli rossi e ha dimostrato di essere efficace nel trattamento delle infezioni del tratto urinario e nella prevenzione delle recidive.
  • Uva ursina: uno studio ha dimostrato che una combinazione di questa bacca e di tarassaco ha ridotto l’insorgere di cistiti ricorrenti.
  • Estratto di mirtillo rosso: così come il succo, l’estratto di mirtillo rosso impedisce ai batteri di aderire al tratto urinario.
  • Estratto di aglio: è stato dimostrato che l’aglio ha proprietà antimicrobiche e può essere in grado di bloccare la crescita dei batteri che provocano le infezioni delle vie urinarie.



coronavirus coronavirus e naturopatia