Svezzamento vegano: crescere bambini vegani sani


Svezzamento vegano: crescere bambini vegani sani

Con lo svezzamento vegano i bambini vegani e non vegani crescono sani e forti

Per chi ha intenzione di crescere un bambino vegano, lo svezzamento è importantissimo. Ma lo svezzamento vegano è adatto a tutti i bambini, anche a chi, più grande, seguirà una dieta onnivora. Scopri far come seguire una dieta vegana corretta al tuo piccolo con i consigli della naturopatia.

Per chi ha intenzione di crescere un bambino vegano, lo svezzamento è importantissimo. Ma lo svezzamento vegano è adatto a tutti i bambini, anche a chi, più grande, seguirà una dieta onnivora. Scopri far come seguire una dieta vegana corretta al tuo piccolo con i consigli della naturopatia.

Lo svezzamento è il periodo più importante per il bambino. Se viene nutrito in modo naturale le difese immunitarie si fortificano, cresce in modo adeguato e seguendo i tempi giusti e non soffre di disturbi legati alla cattiva alimentazione (ad esempio le coliche del neonato).

Esistono diversi “falsi miti” da sfatare che riguardano l’alimentazione da adottare in fase di svezzamento: consumo di latte, introduzione della carne, ecc.

Le proteine animali non sono le più adatte per l’apparato gastrointestinale del neonato. Esistono prove accreditate a riguardo.

La naturalità è il principio su cui bisogna fondare il periodo di svezzamento. Se il bambino segue una dieta sana e naturale crescerà forte e in salute. Quindi l’alimentazione vegana, che esclude tutti gli alimenti di origine animale, è molto vicina alla fisiologia del neonato. Va solo adottata nel modo giusto, seguendo i consigli di un esperto, perché risulti equilibrata.

Il latte materno è il miglior nutrimento

Come sostengono molti pediatri olistici e naturopati, il latte materno è l’unico alimento di cui ha bisogno il bambino.

È ricco di zuccheri, indispensabili per far maturare e nutrire adeguatamente il sistema nervoso. È povero di proteine, a differenza del latte vaccino. Quest’ultimo è molto proteico perché specifico per il vitello che deve sviluppare in poco tempo la muscolatura e reggersi sulle proprie zampe autonomamente.

La composizione del latte vaccino è completamente diversa da quella del latte materno. Ciò fa pensare che il primo sia incompatibile con le necessità del bambino.

Tra l’altro il latte vaccino è ricco di caseine, delle proteine che, a contatto con l’ambiente acido dello stomaco, formano dei coaguli; gli enzimi digestivi del neonato non sono in grado di digerirli.

Il latte materno, invece, è estremamente digeribile. Inoltre contiene immunoglobuline IgA che sostengono il sistema immunitario ancora fragile del neonato. Difendono il corpo da eventuali attacchi di macromolecole che dovessero introdursi dall’esterno.

Infatti i bambini alimentati a latte vaccino hanno le difese immunitarie più basse e sono più soggetti a infezioni e allergie.

Se la mamma, sfortunatamente, non ha latte si può introdurre il latte di soia.

L’alimentazione dopo il sesto mese

Dopo il sesto mese si possono introdurre succhi di ortaggi e di frutta freschi, brodi vegetali, meglio senza le fibre. L’intestino del bambino non è ancora pronto per digerire le fibre tanto che, in questo unico caso, si consigliano i cereali raffinati più che quelli integrali.

Infatti i fitati contenuti nei cereali integrali rendono difficile l’assorbimento di certi nutrienti.

Si può utilizzare un cereale raffinato senza glutine come riso, mais o tapioca. Le fibre vanno introdotte gradualmente sino a giungere a 24 mesi quando il bambino potrà mangiare cereali integrali senza problemi.

I legumi si possono introdurre ma solo decorticati. Come fonte proteica si può utilizzare il tofu schiacciato. Come condimenti olio extra vergine di oliva o olio di semi di lino per il suo apporto di Omega 3. Gli Omega 3 rafforzano le difese immunitarie e facilitano le risposte antinfiammatorie, ad esempio in caso di infezioni o aumento di grassi insaturi (trigliceridi).

Anche le mandorle in crema o polverizzate possono essere un ottimo nutrimento o i semi oleosi sminuzzati sul momento (girasole, zucca, lino, sesamo) così come il miso (un cucchiaino) o in lievito in scaglie (spolverato).

La carne non è un alimento fisiologico

Gli omogenizzati e la carne sono considerati alimenti anti-fisiologici e la loro eliminazione dalla dieta non apporta carenze, anzi non sovraccarica di tossine gli organi del bimbo.

La vitamina B12, di cui si dice sia ricca la carne, è ormai carente anche in questo alimento a causa degli antibiotici somministrati attraverso i mangimi, che annientano i batteri che sintetizzano la cobalamina nell’intestino dell’animale.

Per evitare carenze di cobalamina (vitamina B12), occorre dare un integratore in piccole dosi.

La carenza di questa vitamina può creare ritardi nella crescita e nello sviluppo psicomotorio del neonato.

I benefici dello svezzamento vegano

Iniziare a svezzare il bambino in modo sbagliato e non nutrirlo con il latte materno, predispone il piccolo alla possibilità di incorrere in allergie e infezioni respiratorie ma lo predispone anche nei confronti dell’obesità, del diabete e della celiachia e a volte, purtroppo, anche nei confronti di alcuni tumori.

È stato riscontrato che il bambino vegano è protetto dal rischio di sovrappeso nelle età successive e si ammala raramente perché le difese immunitarie sono molto più forti rispetto a quelle del bimbo onnivoro. Questo avviene perché il colon del bambino vegano è stato colonizzato da batteri che lo proteggono dagli agenti patogeni esterni.

Il bambino vegano è più energico e più sereno perché non consuma alimenti che acidificano il ph ma assume cibi alcalini che lo aiutano a prevenire diverse malattie e che non indeboliscono il sistema immunitario.

Un percorso mirato

Se desideri comprendere come iniziare uno svezzamento vegano per il tuo bambino, puoi rivolgerti allo Spazio SoloSalute®. Sarei seguita da una èquipe di esperti che supporterà te e il tuo bambino durante tutto il percorso. Puoi telefonarci o contattarci dal form di questa pagina, ti risponderemo quanto prima.

 

Contattaci per info e prenotazioni:

Segreteria Spazio SoloSalute®

 Via G. Omboni 7, 20129 Milano

 Tel: 0292807017

 Risponde Francesca

 Lun-Ven, 14.30 -19.00

 E-mail: spaziosolosalute@live.it