La visione del Craniosacrale


La visione del Craniosacrale

Secondo Sutherland il "respiro della vita” è la forza che tiene in vita e anima l'essere umano. Definì tale respirazione Primaria rispetto a quella polmonare, perché coinvolge un movimento involontario che dà vita a tutte le cellule, strettamente interfunzionali tra loro.

Craniosacrale: quale è la visione della terapia cranio sacrale?

respiro della vita craniosacrale trattamento milanoIl respiro della vita del Craniosacrale

Secondo William Garner Sutherland, l'osteopata che ha inventato il cranio sacrale, il "Respiro della Vita” è la forza che tiene in vita e anima l'essere umano.

Si tratta di pulsazioni ritmiche e regolari, come un respiro appunto; nella visione del craniosacrale, sono prodotte dall'energia vitale dell'individuo. Queste pulsazioni sono percepibili, da una mano sufficientemente sensibile, nel cranio e in altri distretti del corpo.

Il cranio e il movimento delle suture craniche

Nei suoi lunghi studi sulla fisiologia del cranio e delle articolazioni della testa, il Dr. Sutherland scoprì che le suture tra le ossa del cranio permettono lievi ma percepibili movimenti; la loro percezione richiede sensibilità, ma riuscì a dimostrare questi movimenti in varie occasioni.

Il movimento dei tessuti nervosi e del midollo spinale

Il movimento delle ossa craniche è connesso al resto del corpo grazie ad una fitta rete di tessuti e liquidi che pulsano in modo armonico con il cranio:

  • il midollo spinale
  • il sistema nervoso centrale 
  • le membrane che avvolgono il sistema nervoso
  • il sacro

La respirazione primaria nel cranio sacrale

Il Dr. Sutherland definì questo movimento respirazione primaria, alla base quindi di quella polmonare e degli altri movimenti involontari e volontari del corpo. La respirazione primaria genera un movimento involontario che ordina secondo un principio coerente tutte le attività del corpo, dalla genesi cellulare alle attività più complesse.

Nel craniosacrale, la respirazione primaria si compone di 3 movimenti principali:

  1. Impulso ritmico cranico: un ritmo superficiale con 8-12 cicli al minuto
  2. Medio ritmo o onda media: con un ritmo più lento, 2.5 cicli al minuto, questo ritmo si espande in tutto il corpo e trasporta il principio ordinatore del Respiro della Vita.
  3. Ritmo lungo o onda lunga: un impulso più profondo e lento, con una pulsazione ogni  100 secondi circa (1,5 minuti). Questo ritmo è considerato il movimento originale che genera la vita e proviene direttamente dal Respiro della VIta, situato in profondità al centro del nostro corpo.

Cranio sacrale: il corpo come organismo liquido

Siamo costituiti al 70% da liquidi, la nostra vita embrionale si forma nei fluidi e la nostra salute nasce dalla loro libera espressione. Se consideriamo i fluidi del corpo come un organismo unico possiamo comprendere l’idea che il nostro corpo dei fluidi (il sangue, la linfa, il liquido cefalorachidiano, la matrice fluida intra ed extra cellulare) sia attraversato da correnti e maree.

La malattia e l'approccio craniosacrale

Per il craniosacrale e le sue diverse correnti, come la biodinamica craniosacrale, malattia, disturbi, disagio sono in realtà un limite alla circolazione spontanea, armoniosa e fluida, del Respiro della Vita, il flusso di fluidi nel nostro corpo.

Se questo scorrere non è fluido, altera i ritmi biologici innati aprendo la strada ai vari disturbi. l'obiettivo della terapia cranio sacrale è quello di ristabilire il corretto fluire della respirazione primaria.

Contattaci per info e prenotazioni:

Segreteria Spazio SoloSalute®

 Via G. Omboni 7, 20129 Milano

 Tel: 0292807017

 Risponde Francesca

 Lun-Ven, 14.30 -19.00

 E-mail: spaziosolosalute@live.it